Formazione Finanziata per Aziende | Scuola di Formazione a 360 gradi

Formazione Finanziata per le Aziende

La formazione finanziata è l’aggiornamento dei propri collaboratori dipendenti attraverso particolari fondi detti Fondi Paritetici Interprofessionali. Come si evince dalla circolare emessa da Ministero del lavoro, Circolare n. 10 del 18 febbraio 2016 :

“i fondi possono finanziare in tutto o in parte i piani formativi aziendali, territoriali, settoriali o individuali concordati tra le parti sociali, non che eventuali ulteriori iniziative propedeutiche e comunque direttamente connesse a detti piani concordate tra le parti”

Oggi, tutte le aziende che vogliano mantenere la competitività sul mercato, hanno la possibilità di fare richiesta per ottenere le agevolazioni della formazione finanziata. Mantenere aggiornato il personale dipendente della propria società, significa aumentare costantemente la qualità della propria azienda e la professionalità dei propri collaboratori.

ITA Formazione, con i professionisti della formazione finanziata, ha sviluppato un servizio gratuito che ti consente di:
  • Usufruire ogni anno di ore di formazione finanziata sulle tematiche riguardanti la sicurezza obbligatoria, ricevendo tutte le attestazioni richieste dalla legge;
  • Usufruire ogni anno di ore di formazione finanziata sulle tematiche sensibili come ad esempio (sicurezza, qualità/ambiente, marketing, lingue straniere, informatica ed altri corsi specialistici del settore d'appartenenza).
Contatta il nostro team di professionisti per saperne di più oppure consulta le FAQ:

Cosa sono i fondi paritetici interprofessionali?
I Fondi Paritetici Interprofessionali nazionali sono organismi di natura associativa promossi dalle Parti Sociali e vedono come loro unico scopo quello di difendere e promuovere l’aggiornamento e la formazione dei lavoratori dipendenti. Le aziende hanno infatti la possibilità di convogliare lo 0,30% dei contributi previdenziali versati all’INPS per il finanziamento di attività di formazione ed aggiornamento dei propri collaboratori dipendenti. Dal 2003 ad oggi sono stati istituiti 21 fondi Interprofessionali ciascuno dei quali rappresentativo di uno o più settori economici (industria, commercio turismo e terziario, agricoltura, artigianato, etc).

Come accedere ai fondi paritetici interprofessionali?
L’adesione ai fondi interprofessionali non comporta nessun costo per l’azienda che voglia aderire. Come da Circolare dell’INPS n. 71 del 2 aprile 2003 vediamo quali sono gli step per accedere ai fondi:
  1. l’azienda deve comunicare volontà di adesione al proprio consulente del lavoro,
  2. Il consulente del lavoro inserirà nel Modello INPS DM10 o UNIEMENS aziendale la sigla del Fondo Interprofessionale cui si vuole destinare la propria quota dello 0,30,
  3. l’INPS verserà l’accantonamento dell’azienda direttamente al Fondo.
L’azienda che abbia fatto richiesta di adesione ai fondi paritetici interprofessionali, ha la possibilità di revocare tale richiesta al termine dell’anno; in alternativa, l’adesione è automaticamente prorogata anche all’anno successivo. Vi è inoltre anche la possibilità di effettuare il passaggio da un Fondo ad un altro ma ogni azienda ha la possibilità di aderire ad un solo Fondo, anche di settore diverso da quello di appartenenza.

L'adesione ad un fondo comporta delle spese per le imprese?
L’adesione non comporta spese aggiuntive a quelle su citate. Il fondo è infatti finanziato da parte del contributo ordinariamente versato all’INPS mensilmente, che verrà trasferito dall’INPS stesso al Fondo prescelto dall’impresa. Attraverso queste modalità, l’azienda potrà trarre beneficio di quanto versato sotto forma di finanziamento alla formazione professionale.

Cos'è il co-finanziamento privato che i fondi chiedono alle imprese?
Il co-finanziamento privato del piano formativo è una quota percentuale direttamente proporzionale alle dimensioni aziendali e non solo. Si tratta sostanzialmente del costo sostenuto dall’azienda nei confronti del lavoratore dovuto al fatto che la formazione avviene durante le ore di lavoro.

Perchè aderire ai fondi interprofessionali:
  • L’aggiornamento costante e continuo migliora la qualità e la professionalità dei collaboratori dipendenti,
  • L’iscrizione ai fondi è gratuita e non comporta alcuna spesa aggiuntiva,
  • Oltre alle tradizionali metodologie di formazione, è possibile prevedere anche l’affiancamento sul lavoro o la formazione a distanza,
  • Aderire ai fondi paritetici professionali significa avvalersi della consulenza ed esperienza di soggetti formativi accreditati in grado di sostenere e guidare l’azienda nella scelta e nella gestione dei piani formativi.

La formazione finanziata è l’aggiornamento dei propri collaboratori dipendenti attraverso particolari fondi detti Fondi Paritetici Interprofessionali. Come si evince dalla circolare emessa da Ministero del lavoro, Circolare n. 10 del 18 febbraio 2016 :

“i fondi possono finanziare in tutto o in parte i piani formativi aziendali, territoriali, settoriali o individuali concordati tra le parti sociali, non che eventuali ulteriori iniziative propedeutiche e comunque direttamente connesse a detti piani concordate tra le parti”

Oggi, tutte le aziende che vogliano mantenere la competitività sul mercato, hanno la possibilità di fare richiesta per ottenere le agevolazioni della formazione finanziata. Mantenere aggiornato il personale dipendente della propria società, significa aumentare costantemente la qualità della propria azienda e la professionalità dei propri collaboratori.

ITA Formazione, con i professionisti della formazione finanziata, ha sviluppato un servizio gratuito che ti consente di:

• Usufruire ogni anno di ore di formazione finanziata sulle tematiche riguardanti la sicurezza obbligatoria, ricevendo tutte le attestazioni richieste dalla legge;
• Usufruire ogni anno di ore di formazione finanziata sulle tematiche sensibili come ad esempio (sicurezza, qualità/ambiente, marketing, lingue straniere, informatica ed altri corsi specialistici del settore d’appartenenza).

Contatta il nostro team di professionisti per saperne di più oppure consulta le FAQ:

Cosa sono i fondi paritetici interprofessionali?
I Fondi Paritetici Interprofessionali nazionali sono organismi di natura associativa promossi dalle Parti Sociali e vedono come loro unico scopo quello di difendere e promuovere l’aggiornamento e la formazione dei lavoratori dipendenti. Le aziende hanno infatti la possibilità di convogliare lo 0,30% dei contributi previdenziali versati all’INPS per il finanziamento di attività di formazione ed aggiornamento dei propri collaboratori dipendenti. Dal 2003 ad oggi sono stati istituiti 21 fondi Interprofessionali ciascuno dei quali rappresentativo di uno o più settori economici (industria, commercio turismo e terziario, agricoltura, artigianato, etc).

Come accedere ai fondi paritetici interprofessionali?
L’adesione ai fondi interprofessionali non comporta nessun costo per l’azienda che voglia aderire. Come da Circolare dell’INPS n. 71 del 2 aprile 2003 vediamo quali sono gli step per accedere ai fondi:
1. l’azienda deve comunicare volontà di adesione al proprio consulente del lavoro,
2. il consulente del lavoro inserirà nel Modello INPS DM10 o UNIEMENS aziendale la sigla del Fondo Interprofessionale cui si vuole destinare la propria quota dello 0,30,
3. l’INPS verserà l’accantonamento dell’azienda direttamente al Fondo.
L’azienda che abbia fatto richiesta di adesione ai fondi paritetici interprofessionali, ha la possibilità di revocare tale richiesta al termine dell’anno; in alternativa, l’adesione è automaticamente prorogata anche all’anno successivo.
Vi è inoltre anche la possibilità di effettuare il passaggio da un Fondo ad un altro ma ogni azienda ha la possibilità di aderire ad un solo Fondo, anche di settore diverso da quello di appartenenza.

L’adesione ad un fondo comporta delle spese per le imprese?
L’adesione non comporta spese aggiuntive a quelle su citate. Il fondo è infatti finanziato da parte del contributo ordinariamente versato all’INPS mensilmente, che verrà trasferito dall’INPS stesso al Fondo prescelto dall’impresa. Attraverso queste modalità, l’azienda potrà trarre beneficio di quanto versato sotto forma di finanziamento alla formazione professionale.

Cos’è il co-finanziamento privato che i fondi chiedono alle imprese?
Il co-finanziamento privato del piano formativo è una quota percentuale direttamente proporzionale alle dimensioni aziendali e non solo. Si tratta sostanzialmente del costo sostenuto dall’azienda nei confronti del lavoratore dovuto al fatto che la formazione avviene durante le ore di lavoro.

Perchè aderire ai fondi interprofessionali:
• L’aggiornamento costante e continuo migliora la qualità e la professionalità dei collaboratori dipendenti,
• L’iscrizione ai fondi è gratuita e non comporta alcuna spesa aggiuntiva,
• Oltre alle tradizionali metodologie di formazione, è possibile prevedere anche l’affiancamento sul lavoro o la formazione a distanza,
• Aderire ai fondi paritetici professionali significa avvalersi della consulenza ed esperienza di soggetti formativi accreditati in grado di sostenere e guidare l’azienda nella scelta e nella gestione dei piani formativi.